lavoratori fragili

“Senza misure strutturali è’ necessario ancora una volta prorogare il diritto al lavoro agile per i lavoratori fragili del pubblico impiego e del lavoro privato”, dichiara Gilberto Gini di Smart Workers Union;

“Se non si dovesse arrivare alla proroga, paradossalmente questa categoria di lavoratori si vedrebbe costretta a rientrare in presenza proprio nel momento di maggior crescita e diffusione della nuova variante del Coronavirus” continua il segretario;

“In questi mesi il Governo non ha fatto nulla per rendere strutturali alcuni istituti, come il lavoro agile o gli accomodamenti ragionevoli, che permetterebbero speciali condizioni di lavoro a questi lavoratori a tutela della loro salute”

“Non è possibile continuare con proroghe su proroghe senza mai affrontare il problema, o utilizzare il lavoro agile come tappabuchi, è arrivato il momento in cui l’Esecutivo ed il Parlamento affrontino la questione seriamente”;

“Sono necessari provvedimenti strutturali per i lavoratori fragili, disabili, caregiver e con condizioni di salute particolare, che permettano loro di eseguire la prestazione lavorativa in situazioni di parità con gli altri lavoratori” conclude il sindacalista.

Leggi la nota che abbiamo inviato al Governo

Leggi tutte le notizie sui lavoratori fragili, inidonei e caregiver